Translate

venerdì 17 novembre 2017

Notizie di Medjugorje del 16 novembre 2016 scritte da suor Emmanuel


Cari figli di Medjugorje, siano lodati Gesù e Maria!

1. Il 2 novembre 2017, Mirjana ha ricevuto la sua apparizione mensile alla Croce blu alla presenza di una grande folla. Dopo l'apparizione, ha trasmesso questo messaggio che Maria ci indirizza:
"Cari figli, guardandovi qui riuniti intorno a me, vostra Madre, vedo molte anime pure. Vedo molti miei figli che cercano amore e consolazione ma nessuno gliela offre. Vedo anche coloro che fanno del male perché non hanno buoni esempi, non hanno conosciuto mio Figlio.  Ciò che è buono e silenzioso e che si diffonde attraverso le anime pure, è la forza che mantiene il mondo. Ci sono molti peccati, ma anche amore. Mio Figlio manda me, Madre, uguale per tutti, per insegnarvi ad amare, perché comprendiate che siete fratelli. Desidero aiutarvi. 
 Apostoli del mio amore, a mio Figlio basta un desiderio vivo di fede e amore e lo accetterà, ma dovete essere degni, avere desiderio e cuori aperti, mio Figlio entra nei cuori aperti. Io come Madre desidero che conosciate mio Figlio nella verità: Dio nato da Dio, che conosciate la grandezza del suo Amore, di cui avete così bisogno. Lui ha preso su di sé i vostri peccati, ha ottenuto la Redenzione per voi, in cambio chiede che vi amiate gli uni gli altri. Mio Figlio è Amore, Lui ama tutti gli uomini senza differenza, tutti gli uomini di tutti gli stati, di tutti i popoli. Se voi, figli miei, viveste l'amore di mio Figlio, il suo regno sarebbe già sulla terra. Perciò, Apostoli del mio amore, pregate, pregate perché mio Figlio e il suo amore siano in voi e voi possiate essere esempio di amore e aiutiate tutti coloro che non hanno conosciuto mio Figlio. Non dimenticatevi mai che mio Figlio, uno e trino, vi ama. Amate e pregate per i vostri pastori, vi ringrazio.
Guardate l'apparizione sul link:  https://www.youtube.com/watch?v=TbdEZtsnNSE
 
Apparizione del 2 novembre 2017
Apparizione del 2 novembre 2017

2. Aiutare i nostri defunti? La seguente testimonianza di santa Mechtild di Hackeborn (1241-1299) ci ispirerà una forte preghiera a favore di coloro che ci hanno lasciato per un momento. Quando santa Mechtild finì di recitare la sua preghiera domenicale per le anime del Purgatorio, ebbe una visione di un grande numero di anime che, immensamente felici, ringraziavano Dio per la loro liberazione. Mechtild ne fu molto felice, subito dopo seppe della morte di una certa persona. Si mise subito a recitare cinque Pater Noster in onore delle cinque piaghe di Cristo in Croce. 
 Un giorno, desiderosa di sapere il sollievo che aveva ricevuto quell'anima per la sua preghiera, il Signore le rispose: "L'anima ha ricevuto cinque doni: alla sua destra, gli Angeli hanno esteso la loro protezione su di lei; alla sua sinistra, le hanno dato consolazione; davanti a lei le hanno dato speranza; dietro a lei la fiducia e sopra di lei, la gioia celeste". Poi il Signore ha aggiunto: "Chiunque, in uno slancio di compassione e di carità, intercede per un defunto, partecipa a tutto il bene che si realizza attraverso questa anima per la Chiesa. Il giorno in cui l'intercessore lascerà questo mondo, troverà tutti questi doni preparati per la sua consolazione e per la salvezza della sua anima." Perché privarli e privarci di tali tesori?
 
3. I ladri sono arrivati! Ogni giorno, dei nuovi mezzi di comunicazione sono offerti sul mercato, con grande sforzo pubblicitario. Televisione, radio, cellulari, twitter, Whatsapp, Internet, YouTube, Facebook, Instagram, WeChat, ecc. Comunicazione? E perché allora la comunione fraterna e le relazioni interpersonali si deteriorano così tanto? Perché le famiglie si disintegrano sempre più? Chi sono questi ladri che sottilmente ci sottraggono il mutuo ascolto, la gioia della comunione fraterna e l'unione dei cuori?
 

Una trappola per la relazione con gli altri. La famiglia dovrebbe essere "un luogo di comprensione e di tenerezza", ci dice Maria santissima (2 ottobre). Ma attraverso la televisione e tutti questi diversi media, troppe famiglie hanno fatto entrare nel loro seno dei ladri. Ladri di tempo, di dialoghi familiari e di mutua attenzione. Certamente, tutte queste tecniche non sono cattive in sé stesse. Rendono spesso dei grandi servizi. Ma il loro impiego senza limiti, sistematico e senza discernimento li rendono veramente dei tiranni domestici che ci controllano. Questi nuovi modi di comunicare ci rubano inoltre la nostra capacità di interiorità, di ascolto di Dio e del prossimo; ci rubano la nostra capacità di adorazione che è la grandezza dell'uomo. Ci mantengono in una superficialità mortificante alla quale ci abituiamo in maniera disastrosa, come fosse una droga. 
Quando adoriamo Dio, diventiamo quello che veramente siamo agli occhi del Creatore, mentre questi impostori ci privano poco a poco della nostra vera  e bella identità.
Moltissime famiglie soffrono di una crisi di mancanza di comunione. Là dove l'amore non viene espresso, ognuno cerca di sopravvivere alla chiusura in sé stesso cercando delle compensazioni attraverso comunicazioni in tutte le direzioni. Ah, se sapessimo quanto Dio desidera parlarci! Non per niente il suo primo comandamento comincia dallo  Shema Israel, ascolta Israele!
 

Una trappola per la relazione con Dio. Il Signore ha detto a Santa Faustina: "In un'anima chiacchierona, non riesco a riposarmi. Il tumulto incessante mi stanca e in questo tumulto, l'anima non riconosce la mia voce". In realtà Dio parla a tutte le anime ma solo pochissime odono il mormorio della sua voce. Oggi sono tante le persone che hanno paura del silenzio. Paura di trovarsi faccia a faccia con se stessi. Il rumore ci fa dimenticare il nostro vuoto interiore, dandoci l'impressione di riempirlo. Illusione! Povero cuore che non trova la vera gioia! Povero cuore che non sa che solo Dio può riempirlo e che dimentica la possibilità di essere riempito!
 
4. Come mantenere puro il cuore? Le critiche o le maleparole che riceviamo sono simili ad una violenta onda che frange sulla riva del mare. Essa può sbattere su una roccia, e quindi rimbalzare con più violenza: è quello che succede quando replichiamo, quando ci giustifichiamo, o diffondiamo queste parole attorno a noi. Ma l'onda può anche infrangersi sulla sabbia, e quindi perdere la sua forza fino a sparire: è quello che succede quando opponiamo il silenzio alla critica, alla maldicenza ed all'odio, come ha fatto Gesù durante la sua Passione. Così, la violenza fallisce nel nostro silenzio e sparisce. "Non mettetevi mai a discutere, ci dice la Vergine!"Per esempio se qualcuno nella vostra famiglia bestemmia, fate finta di non averlo sentito. Non replicate. Ma nel vostro cuore, benedite il Signore, moltiplicate le benedizioni. La vostra benedizione annullerà l'effetto della bestemmia, e Dio sarà glorificato.
 
I tre setacci: Il filosofo Socrate ci da un consiglio veramente buono. Quando udiamo una cattiva parola, e vogliamo ripeterla a qualcun altro, facciamola prima passare attraverso "tre setacci":  A - La parola è assolutamente vera? B - E' bene dirla?  C - E' utile diffonderla? Se essa non è né vera, ne buona, ne utile... allora facciamo silenzio e dimentichiamola!
L'Avvento si avvicina, è il tempo del silenzio di Maria Santissima che porta in grembo il bambino Gesù nel segreto del suo cuore. Lei non ha proclamato sui tetti "Indovinate cosa vi porto, il super scoop!!"
 

5. "Il silenzio è una spada nel combattimento spirituale, ci dice santa Faustina. Un'anima chiacchierona non arriverà mai alla santità. La spada del silenzio taglierà tutto ciò che vorrebbe attaccarsi all'anima. Siamo tutti vulnerabili per quanto riguarda la parola, vogliamo rispondere immediatamente, senza domandarci se è volontà di Dio che noi parliamo."


"L'anima silenziosa è forte, Se persevera nel silenzio, non sarà toccata da alcuna contrarietà. L'anima silenziosa è capace di unirsi a Dio in maniera profondissima, essa vive quasi sempre sotto l'ispirazione dello Spirito Santo. Nell'anima silenziosa, Dio agisce senza incontrare ostacoli"  (Diario §476).

Lo Spirito Santo non si rivolge ad un'anima dissipata e chiacchierona, ma parla all'anima che sa tacere attraverso delle ispirazioni silenziose. Se il silenzio è osservato strettamente, non ci saranno delle mormorazioni, delle amarezze, delle maldicenze e pettegolezzi. L'amore del prossimo non verrà appannato. In una parola, molti sbagli cesseranno di esistere. La bocca che tace è oro puro e testimonia la santità interiore." (Diario §145).

Gesù le ha anche detto: "Cerca di vivere raccolta in te stessa per udire la mia voce che è un mormorio; solo le anime raccolte in sé possono udirla." (Diario §1779).

NOVITA'
  A partire dal 30 novembre 2017, Il libro " Scandalosa misericordia " (329 pagine) sarà anche disponibile nelle librerie San Paolo (si veda PS.3) nonché sul sito San Paolo Store ( www.sanpaolostore.it)   oltre che su Amazon ( www.amazon.it)  al prezzo di €  12,00  (comprensivo della spedizione in Italia). Il libro è disponibile anche in versione e-book (digitale).
Il libro "Potenza sconosciuta del digiuno. Guarigione, liberazione, gioia...." è disponibile presso le librerie religiose al prezzo di € 7,00 o sul sito www.edizioniamen.it (ordini@edizioniamen.it o chiamando il cell. 338 41 65 475).
Il libro "La pace avrà l'ultima parola" edito da Sugarco è disponibile presso le librerie religiose al prezzo di € 14,80 o su Amazon (al prezzo di € 12,58, comprensivo dei costi di spedizione).
 

6. La prossima diretta in francese avverrà il 3 dicembre alle 21.00. Quella del 3 novembre verrà ritrasmessa sul link:  www.enfantsdemedjugorje.fr/direct-du-3-vendredi-3novembre-2017
 
Carissima Gospa, vorremmo accelerare il tuo trionfo!  Tu hai detto a Santa Faustina: "Che la vostra vita sia come la mia, silenziosa, nascosta, in preghiera per preparare il mondo alla seconda venuta di Gesù"(Diario § 625) Proteggici e guidaci! Senza di te, non ce la facciamo!
 
                                                                                     Suor Emmanuel +
                                                                                 (Tradotto dal francese) 



PS1. Il 24  novembre celebreremo il 17esimo anniversario della nascita al cielo di Padre Slavko Barbaric. In questa occasione, vi suggerisco di pregare la bellissima preghiera allo Spirito Santo che Lui ha scritto 
"Spirito Santo, ti scelgo oggi come maestro di tutto il mio essere. Nella fede e nella speranza del tuo amore infinito che si è manifestato in Maria, rinuncio a ogni cattivo spirito ed accetto Te, Spirito d'Amore, di Luce, di Pace e di Ordine. Ti consacro tutti i miei talenti e desidero agire solamente nella Tua luce. Ti cedo tutti i diritti sulla mia vita. Veglia su di me, guidami verso il Padre, ti prego con Maria, per Gesù, Amen!"
Vedete questa bella video di 7 minuti su questo link :  
PS2. Libreria San Paolo  della Diffusione San Paolo
Alba (CN)tel. 0173. 36.36.79 -  lsp.alba@stpauls.it
Albano Laziale (RM)tel. 06. 93.23.716 -  lsp.albano@stpauls.it
Bari (BA)tel. 080. 52.47.584 -  lsp.bari@stpauls.it
Catania (CT)tel. 095. 31.75.91 -  lsp.catania@stpauls.it
Firenze (FI)tel. 055. 29.48.43 -  lsp.firenze@stpauls.it
Genova (GE)tel. 010. 24.69.292 -  lsp.genova@stpauls.it
Milano (MI)tel. 02. 80.56.491-  lsp.milano@stpauls.it
Roma (RM)  Piazza San Giovanni in Laterano 18 -  tel. 06. 70.47.42.67 -  lsp.romasg@stpauls.it
Roma (RM)  Via Conciliazione 16/20 tel. 06. 68.64.872 -  lsp.romaco@stpauls.it
Roma (RM)  Via Merulana, 124/A Tel. 06. 77.20.50.27 -  lsp.romaap@stpauls.it
Torino (TO)tel. 011. 43.69.582 -  lsp.torino@stpauls.it
Bergamo (BG)tel. 035. 24.86.43 -  lsp.bergamo@stpauls.it
Padova (PD)tel. 049. 65.70.88 -  lsp.padovava@stpauls.it
PARMA (PR)tel. 0521.28.24.45 -  lsp.fiaccadori@stpauls.it

PS3. E' uscito da poco un buon DVD:" Apparition Hill"  (Collina delle apparizioni). Per adesso disponibile solo in inglese su:  http://apparitionhill.org/store/

PS4. Le nostre prossime missioni i cui frutti dipendono molto dalle vostre intercessioni: in Argentina, Uruguay e Cile in novembre. L'anno prossimo in Cina se Dio vuole.

PS5. Appello alle famiglie: Vi capita di ascoltare delle parole spiritualmente spiritose dei bambini? Non le lasciate perdere per favore! Inviatele a  gospa.italia@gmail.com, le pubblicheremo.

PS6. Seguite il programma serale della parrocchia di Medjugorje, tradotto nelle varie lingue. Vedi sito della parrocchia:  www.centremedjugorie.org

PS7. La Vergine ama ricevere la posta! Lei risponde nei cuori durante la preghiera. Inviate la vostra lettera a "Reine de la Paix", BP 2157, Nice cedex , 06103 Francia. Consegneremo la lettera ad un veggente.
 
PS8. Ascoltiamo e diffondiamo gli insegnamenti di Sr Emmanuel! Ci arricchiscono!
Audio CD (euro 6,00) 
MISERICORDIA 01002 La divina Misericordia, coroncina rivelata a Suor Faustina 
19529   Santo Rosario: Misteri della Compassione (coppia di CD)  19530 Santo Rosario: Misteri della Misericordia (coppia di CD) 01001 Bambino Gesù, mio Dio, mio Bambino 18522 La confessione: riconciliazione con se stessi, con il prossimo e con Dio (coppia di CD) 
MARIANI 19534 La consacrazione al Cuore Immacolato di Maria, 10076 Ascoltate i miei messaggi, 13930 Cosa dice Maria sullasofferenza, 19509 Parola della Madonna sulla famiglia, 12616 Liberazioni e guarigioni per mezzo del digiuno, 19508 Bambini aiutate il mio cuore a vincere!, 19528 Le 24 ore della Gospa, ROSARI 19515 Il miracolo del Rosario, misteri gaudiosi, 19516 I misteri della luce, 19518 I misteri dolorosi, 19519 Misteri gloriosi, 19529 Santo Rosario, misteri della Compassione (coppia di CD), 19530 Santo Rosario, misteri della Misericordia (coppia di CD), 03014 Rosario completo (MP3) 
PREGHIERA 01002 La Divina Misericordia Coroncina rivelata a Suor Faustina, 13915 La gioia effetto della fiducia in Dio, 13916 Tristezza, sconforto, stress Benedite!, 19145 Adorazione, l abbraccio di Dio, 19014 Pregare con il cuore, 19015 La preghiera che ottiene tutto, 18146 Vogliate bene ai sacerdoti, 
TESTIMONIANZE 03064 (MP3 euro 9,00) La storia del villaggio di Medjugorje. 12617 Dal terrore alla gioia, 15775 Testimonianza di Draga Ivankovic, 03030 Maryam, la piccola araba, la fanciulla profeta (MP3), 13925 Maryam, la fanciulla profeta dei nostri giorni (seconda parte), 13921 Maryam, la piccola araba (prima parte), FAMIGLIA 16556 Famiglia non ti lasciare distruggere, 16585 Prepararsi ad un matrimonio di "successo" (di Padre Tim Deeter presentato da suor Emmanuel), 16584 Una famiglia per guarire "dentro" (di Pascal Maillard, fratello di suor Emmanuel), 
MORTE 12618 Il sorprendente segreto delle anime del purgatorio, 13288 Quando la morte ci separa da quelli che amiamo, 13289 Quando l amore passa attraverso la morte, 13911 Consacra la tua morte, 19531 Perché avere paura? 
SPIRITUALITA 01001 Bambino Gesù, mio Dio, mio bambino, 13291 Gli angeli, realtà e supporto, 13292 Shalom, pace, il primo dono di Gesù risorto, 13914 I segni, conferma ed avvertimenti, 13917 Marylin Monroe o Santa Teresina, 13918 LUI ha vinto la nostra angoscia, 13926 Superare le prove alla scuola di San Giuseppe, 18522 La confessione: riconciliazione con se stessi, con il prossimo e con Dio (coppia di CD), 18527 La più bella Messa della mia vita, 12203 Reiki, energia universale? personale? Una trappola! CD estratto al libro La pace avrà l ultima parola (9 capitoli scelti)
DVD (Euro 12,00) 046 Dall angoscia alla gioia (testimonianza di suor Emmanuel)

LIBRI
La pace avrà l ultima parola pagine 290, Euro 14,80. Edizioni Sugarco
Potenza sconosciuta del digiuno , pagine 144, Euro 7,00 Edizioni Amen
Questi prodotti possono essere acquistati nelle librerie cattoliche oppure ordinati alla coop. VOCEPIU /ODOS, Corso Manusardi 5, 20136 Milano, tel 02/58301229 fax 02/58301439, e-mail vocepiu@odos-servizi.it
Libri editi in Bosnia:"La bellissima storia di Medjugorje", pagine 60, Euro 3,00 "Maryam di Betlemme, la piccola araba", pagine 108, Euro 4,00, Il meraviglioso segreto delle anime del purgatorio , pagine 46, Euro 4,00
 
Libri della Editrice Shalom, ( www.editriceshalom.it) 8246 Guarigione e liberazione con il digiuno, pagine 256, Euro 5,00, 8106 Bambini, aiutate il mio cuore a vincere (libro per bambini), pagine 56 cartonato, Euro 7,00, 8116 Medjugorje cosa dice la Chiesa, pagine 48, Euro 1,20; 8160 Medjugorje il trionfo del cuore, pagine 545, Euro 9,00 Il bambino nascosto di Medjugorje, 82 capitoli, Euro 9,00..
 
PS9. Per ricevere le notizie mensili di Suor Emmanuel 
Per riceverle in inglese e tedesco, scrivete a   commentscom@childrenofmedjugorje.com
Per riceverle in francese (versione originale), scrivete a gospa.fr@gmail.com
Per riceverle in spagnolo, scrivete a gospa.espanol@gmail.com 
Per riceverle in italiano, scrivete a gospa.italia@gmail.com 
Per riceverle in croato, scrivete a djeca.medjugorja@gmail.com
Per riceverle in portoghese, scrivete a medjugorje.portugal@gmail.com
Per riceverle in cinese, scrivete a teresamedj@gmail.com
Per riceverle in olandese, scrivete a  gclaes@scarlet.be
Per riceverle in arabo, scrivete a friendsofmary@live.com

SE NON VOLETE PIU RICEVERE QUESTO NOTIZIARIO SCRIVET  gospa.italia@gmail.com  INSERITE COME OGGETTO "RIMUOVI DALLA MAILING LIST DI MEDJUGORJE"  NON RICEVI PIU LE NOTIZIE?  CONTROLLA IL TUO FILTRO ANTISPAM!



lunedì 13 novembre 2017

Si è concluso a Medjugorje il 18° Seminario Internazionale per coppie di sposi

Diciottesimo Seminario Internazionale per coppie di sposi a Medjugorje


 Si è svolto a Medjugorje il Diciottesimo Seminario Internazionale per coppie di sposi  con circa duecento partecipanti, provenienti da sedici Paesi: Ucraina, Austria, Ungheria, Belgio, Francia, USA, El Salvador, Svezia, Honduras, Equador, Polonia, Slovacchia, Italia, Germania, Croazia e Bosnia Erzegovina.
L'incontro ha avuto inizio mercoledì 8 novembre 2017, con la registrazione dei partecipanti. Alle ore 16:00 si è poi tenuta un'introduzione al Seminario, seguita dal programma liturgico di preghiera serale presso la chiesa di san Giacomo. La Santa Messa serale di apertura è stata presieduta da fra Marinko Šakota, parroco di Medjugorje, e concelebrata da altri trentasette sacerdoti.
I Relatori del Seminario :il parroco di Medjugorje fra Marinko Škota ed il sacerdote gesuita P. Mijo Nikić. Il tema dell'Incontro, che si è protratto fino   a sabato 11 novembre, è: “La vostra carità si arricchisca sempre più”

Il seminario si svolgerà nel salone accanto alla chiesa.

Per chi volesse parteciparvi l'anno prossimo:
 
Il contributo spese al seminario è di € 40 per coppia. È possibile inviare le proprie adesioni al seguente indirizzo e-mail: seminar.marija@medjugorje.hr >, oppure al seguente numero di fax: 00387 36 651 999 (per Marija Dugandzic).  Il numero dei partecipanti è limitato per esigenze di spazio; pertanto vi esortiamo ad inviare le vostre adesioni quanto prima. Inoltre invitiamo tutte le coppie che parteciperanno al seminario a trovarsi un alloggio a Međugorju.
 
Sia per le esigenze organizzative del seminario, sia per la vostra sicurezza, siete cortesemente pregati di considerarvi registrati soltanto quando riceverete una risposta di conferma. Se non avete ancora ricevuto tale risposta, ciò significa che non abbiamo ricevuto la vostra richiesta d’iscrizione (e quindi non abbiamo potuto registrarvi) o perché il vostro messaggio e-mail è stato inviato ad un indirizzo sbagliato, o perché il vostro computer ha un virus che blocca automaticamente l’invio della posta elettronica. Ecco perché potete ritenervi registrati soltanto quando riceverete una risposta di conferma. 

giovedì 2 novembre 2017

“LA SANTA SEDE VUOLE REGOLARE IL FENOMENO MEDJUGORJE"


Il Segretario di Stato vaticano in visita in Croazia. Sulla canonizzazione di Stepinac: «Desiderio del Papa è che la questione non crei tensioni ma aiuti nel cammino comune»
MEDJUGORJE, SEGRETARIO DI STATO DEL VATICANO PAROLIN: “LA SANTA SEDE VUOLE REGOLARE IL FENOMENO” .
PAROLIN PARLA ANCHE DEL CASO DEL VESCOVO STEPINAC MORTO MARTIRE SOTTO IL COMUNISMO DI TITO. Per i serbi era una spia dei fascisti ustascia per i croati un santo.
Articolo dal Quotidiano LA STAMPA di Torino
Il Segretario di Stato vaticano in visita in Croazia. Sulla canonizzazione di Stepinac: «Desiderio del Papa è che la questione non crei tensioni ma aiuti nel cammino comune»
Medjugorje, Parolin: “La Santa Sede vuole regolare il fenomeno”
Il Segretario di Stato vaticano in visita in Croazia. Sulla canonizzazione di Stepinac: «Desiderio del Papa è che la questione non crei tensioni ma aiuti nel cammino comune»
Sulla questione Medjugorje «è volontà della Santa Sede aiutare a regolare il fenomeno in modo che i fedeli che vengono qui possano ascoltare la Parola di Dio, celebrare i sacramenti e vivere un’autentica esperienza di fede». È il Segretario di Stato vaticano, Pietro Parolin, ad intervenire sul delicato affaire da anni al centro di studi e indagini da parte del Vaticano.
In visita in questi giorni in Croazia il cardinale risponde alle domande dei giornalisti ai quali – riferisce il Sir – ricorda che i risultati della Commissione guidata dal cardinale Camillo Ruini e incaricata di fare chiarezza sul “fenomeno” delle apparizioni mariane, iniziate nel 1981 e non ancora interrotte, nel paesino dell’Erzegovina che ogni anno attira centinaia di migliaia di fedeli e pellegrini sono tutti «nelle mani del Santo Padre».
Non c’è solo la dimensione «sovrannaturale degli eventi» da analizzare, ha inoltre evidenziato il porporato, è altrettanto importante la questione della «cura pastorale» dei pellegrini. Motivo per cui il Papa ha nominato lo scorso 11 febbraio l’arcivescovo polacco Henryk Hoser come suo «inviato speciale» , non per fare un supplemento d’indagine, bensì – come si leggeva in un comunicato vaticano - per «acquisire più approfondite conoscenze della situazione pastorale di quella realtà e, soprattutto, delle esigenze dei fedeli che vi giungono in pellegrinaggio».
Sempre con la stampa croata Parolin è entrato nel merito di un’altra questione, altrettanto spinosa, rimasta finora senza risposta: la canonizzazione del beato Alojzije Stepinac. L’arcivescovo di Zagabria è una figura che, a distanza di decenni, crea una profonda divisione tra i croati cattolici che lo acclamano come pastore santo e i serbi ortodossi che lo accusano di esser stato un collaboratore del regime nazifascista ustascia durante la Seconda Guerra mondiale.
Sull’operato di Stepinac durante quegli anni drammatici è stata istituita un anno fa una commissione congiunta tra Conferenza episcopale croata e Chiesa serba ortodossa che ha concluso i suoi lavori, nella Casa Santa Marta, gli scorsi 12-13 luglio, sotto la guida del presidente del Pontificio Comitato di Scienze storiche, padre Bernard Ardura , che però non è riuscita a raggiungere «un’interpretazione univoca».
Parolin tuttavia afferma: «Credo che il lavoro della Commissione sia stato utile e che questo processo abbia aiutato il dialogo e la comprensione comune». «Le ferite che lasciano i fatti storici non possono essere superate dall’oggi al domani – ha aggiunto -. È importante tenere ferma la direzione verso cui andare e lavorare per la comunione e la pace. Il dialogo interreligioso ed ecumenico è strumento fondamentale per raggiungere quest’obiettivo».
I documenti prodotti dalla Commissione per la «rilettura comune» della vita e dell’opera dell’arcivescovo Stepinac sono, come quelli di Medjugorje, «nelle mani» del Pontefice, ha spiegato il Segretario di Stato. E ha ribadito che «il desiderio» di Papa Bergoglio «è che tale questione non crei tensioni tra i due popoli, ma che aiuti nel cammino comune». In ogni caso, «la questione è interna della Chiesa cattolica e mi sembra importante sottolinearlo».
CHI E' IL VESCOVO STEPINAC
Nasce l'8 maggio 1898 a Brezaric, nella parrocchia di Krasic presso una famiglia di contadini benestanti. Nel 1919 entra in seminario, e dal suo vescovo è mandato a Roma per gli studi teologici. Qui nel 1930 è ordinato sacerdote. Nel 1934 è consacrato suo vescovo coadiutore con diritto di successione. Pochi anni dopo, nel 1937, egli succede a monsignor Bauer come arcivescovo di Zagabria.
Durante la seconda guerra mondiale fu uno strenuo avversario del Nazi fascismo difendendo famiglie di ebrei e di zingari. Dopo il 1945 Stepinac diventerà uno dei più audaci difensori della libertà religiosa contro il regime di Tito. Il 19 ottobre 1946 è rinchiuso in carcere fino al 1951. Anno nel quale è confinato nel villaggio natio di Krasic dalla polizia locale. Il 12 gennaio del 1953 viene creato cardinale da Pio XII. Il 10 febbraio 1960 muore a causa di una malattia, contratta in carcere.
E' beatificato il 3 ottobre 1998 da Giovanni Paolo II.

Fonte:http://www.lastampa.it/2017/10/31/vaticaninsider/ita/vaticano/medjugorje-parolin-la-santa-sede-vuole-regolare-il-fenomeno-2Pgvg3DtXur26pK3YDk09O/pagina.html

Medjugorje, messaggio del 2 novembre 2017.

 

Cari figli, guardando voi riuniti intorno a me, vostra Madre, vedo molte anime pure, molti miei figli che cercano amore e conforto, ma nessuno glielo offre. 
Vedo anche quelli che fanno il male perché non hanno buoni esempi, quelli che non hanno conosciuto mio Figlio.
 Quel bene che è silenzioso e si diffonde per mezzo delle anime pure è la forza che sostiene questo mondo. 
I peccati sono molti, ma c’è anche amore. 

Mio Figlio vi manda me, la Madre, la stessa per tutti, affinché vi insegni ad amare per comprendere che siete fratelli. 

 Desidera aiutarvi.
 Apostoli del mio amore, è sufficiente un vivo desiderio della fede e dell’amore e mio Figlio l’accoglierà, ma dovete esserne degni, avere buona volontà e cuori aperti.
 Mio Figlio entra nei cuori aperti. 
Io, come Madre, desidero che conosciate mio Figlio, Dio nato da Dio, il meglio possibile; che conosciate la grandezza del suo amore, di cui avete molto bisogno.
 Lui ha accettato i vostri peccati su di sé, ha ottenuto per voi la redenzione e in cambio vi ha chiesto di amarvi gli uni gli altri. 
 Mio Figlio è amore. 
Egli ama tutti gli uomini senza differenza, tutti gli uomini di ogni paese e di ogni popolo.
 Se viveste l’amore di mio Figlio, figli miei, il suo Regno sarebbe già sulla terra. 
 Perciò, apostoli del mio amore, pregate! Pregate che mio Figlio ed il suo amore vi siano più vicini possibile, affinché siate un esempio d’amore ed aiutiate tutti coloro che non hanno conosciuto mio Figlio.  
Non dovete mai dimenticare che mio Figlio, uno e trino, vi ama. 
 Amate e pregate per i vostri pastori. 
Vi ringrazio.




Draga djeco, gledajući vas okupljene oko mene, svoje Majke, vidim mnogo čistih duša, mnogo moje djece koja traže ljubav i utjehu, ali im je nitko ne pruža.
Vidim i one koji čine zlo jer nemaju dobrih primjera, nisu upoznali moga Sina.
Ono dobro, koje je šutljivo, a širi se preko čistih duša, je snaga koja održava ovaj svijet.
Mnogo je grijeha , ali ima i ljubavi.
Moj Sin vam šalje mene, Majku, istu za sve vas, da vas naučim ljubiti da shvatite da ste braća.
Želim vam pomoći.
Apostoli moje ljubavi, dovoljna je živa želja vjere i ljubavi i moj Sin će je prihvatiti, ali morate biti dostojni imati dobru volju i otvorena srca.
Moj Sin ulazi u otvorena srca!
Ja, kao Majka, želim da što bolje upoznate moga Sina, Boga rođenog od Boga.
Da upoznate veličinu njegove ljubavi koja vam je toliko potrebna.
On je vaše grijehe na sebe prihvatio, postigao otkupljenje za vas, a zauzvrat tražio da ljubite jedni druge.
Moj Sin je ljubav, On ljubi sve ljude bez razlike, sve ljude svih zemalja, svih naroda.
Kada bi ste, djeco moja, živjeli ljubav moga Sina, Njegovo Kraljevstvo bi bilo već na zemlji.
Zato, apostoli moje ljubavi, molite, molite da bi vam moj Sin i njegova ljubav bili što bliži, da bi ste bili primjer ljubavi i pomogli svima onima koji nisu upoznali moga Sina.
Nikad nemojte zaboraviti da vas moj Sin, jedan i trojstveni, ljubi.
Volite i molite za svoje pastire!
Hvala vam 

PODIJELITE DALJE! 

mercoledì 1 novembre 2017

Che senso ha pregare i Santi e chiedere la loro intercessione presso il Signore?




L’intercessione dei Santi

L'intercessione dei Santi
“Poi venne un altro angelo e si fermò presso l’altare, reggendo un incensiere d’oro. Gli furono dati molti profumi, perché li offrisse, insieme alle preghiere di tutti i santi, sull’altare d’oro, posto davanti al trono” (Ap 8,3)
Maria e i Santi hanno una grande forza di portare alla salvezza molte anime. Tuttavia queste capacità non sono originarie, ma sono date loro da Gesù Cristo. Gli stessi poteri di Gesù sono esercitati da lui in nome del Padre. Solo il Padre è il principio e il fine di ogni potere di salvezza. E’ quindi evidente che anche la preghiera rivolta direttamente al Padre è efficace, anche senza ricorrere a Maria e ai Santi.
A tal proposito è bene ricordare che l’efficacia della preghiera rivolta a Dio a favore degli altri (chiamata intercessione) può essere sperimentata e praticata da tutti, ma essa è particolarmente efficace nei Santi perfetti e glorificati, in accordo a quanto dice san Giacomo: Molto vale la preghiera del giusto fatta con insistenza (Gc 5,16).
Uno dei motivi per cui l’intercessione di Maria e dei Santi è così potente, risiede nel fatto che costoro hanno ormai vinto la battaglia contro le potenze del male e raccolgono i frutti spirituali della loro vittoria, aiutando i cristiani che ancora stanno combattendo sulla terra ed intercedendo per essi.
Nel libro dell’Apocalisse di parla spesso del premio riservato da Dio ai “vincitori” (cfr. Ap 2,7.11.17.26-28; 3,5.12.21; 12,11; 14,4-5; 20,1-6) e delle condanne che aspettano agli operatori di iniquità e a Satana stesso.

Quando la Chiesa terrena, in modo pubblico o privato, si appella all’intercessione dei Santi del cielo, rendendo presente a Dio la vittoria che essi hanno conseguito contro il male e la gloria che ora godono in cielo, chiede soccorso ed aiuto per i fedeli ancora in lotta sulla terra contro le potenze del male. L’intercessione dei Santi del cielo non consiste tanto nel fatto che questi si mettano a pregare per noi quando li invochiamo (uscendo dal loro riposo contemplativo), ma nel fatto che la loro vittoria e gloria sono sempre presenti davanti a Dio non solo a loro beneficio, ma anche a vantaggio di quanti si appellano al loro aiuto.
Bisogna inoltre considerare che i Santi del cielo, anche se hanno conseguito il titolo della vittoria definitiva contro le potenze del male e partecipano della gloria di Dio, non hanno ancora conseguito la piena vittoria e la piena gloria. Infatti, non hanno ancora vinto la morte corporale, perché devono ancora risorgere con il loro corpo; inoltre, i loro nemici in terra non sono ancora annientati del tutto e la comunione con tutti i Santi è ancora da realizzarsi in modo perfetto. Per questo la storia della salvezza, che si svolge sulla terra, va avanti anche per rendere completa la giustizia ai Santi del cielo. Essi conseguiranno la vittoria e gloria completa solo alla fine della storia. È logico quindi pensare che essi dal cielo siano con Cristo, loro capo, al timone della storia per pilotarla verso il compimento perfetto della loro vittoria e gloria.
Vi è però un’ulteriore evoluzione del mistero di Dio, che già si manifesta al tempo del ministero pubblico di Gesù in Palestina. Gesù invia in missione i dodici apostoli prima, e altri settantadue discepoli poi, dando ad essi gli stessi suoi poteri di annunziare il Vangelo, di guarire gli infermi e di liberare gli indemoniati (Lc 9,1-6; 10,1-11). Apostoli e discepoli vengono costituiti da Gesù come altrettanti “soccorritori”, dotati di poteri efficaci per poter svolgere questa funzione. È naturale che da quel momento le folle, oltre che a Gesù, si rivolgano ai suoi discepoli per avere soccorso nelle loro necessità.
Appare perciò chiaro e legittimo l’atteggiamento di chi invoca Maria e i Santi per ottenere qualche grazia.
Molti fatti raccontati negli Atti (cfr. At 3,4-5; At 9,36-42) danno un fondamento biblico all’invocazione di Maria e dei Santi, che si svolge sulla stessa linea del ricorso agli Apostoli per ottenere da essi particolari grazie.
La Scrittura fa notare chiaramente due cose che riguardano il ricorso agli Apostoli. La prima è che gli Apostoli sono dotati di poteri efficaci per rispondere alle necessità dei fedeli, che si rivolgo a loro. La seconda è che i poteri che hanno è “nel nome di Gesù”, come manifestò chiaramente Pietro quando disse allo Storpio: Nel nome di Gesù Cristo, il Nazareno, cammina! (At 3, 6.16). Nell’invocazione di Maria e dei Santi sono presenti questi stessi elementi. Essi sono dotati da Dio di poteri efficaci per venire in soccorso a quanti li invocano e i loro poteri vengono esercitati esclusivamente “in nome di Gesù”, l’unico re e Sacerdote degli uomini presso il Padre.

Fonte: “Il culto di Maria e dei Santi”, Don Carlo Colonna, Edizioni Shalom

Preghiere per i santi che sono in Paradiso

01 NOVEMBRE

SOLENNITA' DI TUTTI I SANTI


PREGHIERA AI SANTI DEL PARADISO

O spiriti celesti e voi tutti Santi del Paradiso, volgete pietosi lo sguardo sopra di noi, ancora peregrinanti in questa valle di dolore e di miserie. 

Voi godete ora la gloria che vi siete meritata seminando nelle lacrime in questa terra di esilio. Dio è adesso il premio delle vostre fatiche, il principio, l'oggetto e il fine dei vostri godimenti. O anime beate, intercedete per noi! 

Ottenete a noi tutti di seguire fedelmente le vostre orme, di seguire i vostri esempi di zelo e di amore ardente a Gesù e alle anime, di ricopiare in noi le virtù vostre, affinché diveniamo un giorno partecipi della gloria immortale.
Amen.


O voi tutti che regnate con Dio nel cielo, dai seggi gloriosi della vostra beatitudine,
volgete uno sguardo pietoso sopra di noi, esuli dalla celeste patria.
Voi raccoglieste l'ampia messe delle buone opere,
che andaste seminando con lagrime in questa terra di esilio.
Dio è adesso il premio delle vostre fatiche e l'oggetto dei vostri gaudii.
O beati del cielo, ottenete a noi di camminare dietro i vostri esempi
e di ricopiare in noi stessi le vostre virtù, affinchè, imitando voi in terra,
diventiamo con voi partecipi della gloria in cielo. Così sia.
Pater, Ave, Gloria 


O Dio, Padre buono e misericordioso, ti ringraziamo perchè in ogni tempo
tu rinnovi e vivifichi la tua Chiesa, suscitando nel suo seno i Santi: attraverso
di essi tu fai risplendere la varietà e la ricchezza dei doni del tuo Spirito di amore.
Noi sappiamo che i Santi, deboli e fragili come noi, hanno capito il vero senso della vita, sono vissuti nell'eroismo della fede, della speranza e della carità,
hanno imitato perfettamente il Figlio tuo, ed ora, vicini a Gesù nella gloria, sono nostri modelli e intercessori.
Ti ringraziamo perchè hai voluto che continuasse tra noi e i Santi la comunione
di vita nell'unità dello stesso Corpo mistico di Cristo.
Ti chiediamo, o Signore, la grazia e la forza di poter seguire il cammino 
che essi ci hanno tracciato, affinché alla fine della nostra esistenza terrena
possiamo giungere con loro al beatificante possesso della luce e della tua gloria.

La Madonna nell'ultimo messaggio ci chiede di seguire l'esempio dei Santi



La veggente Marija Pavlovic Lunetti a Radio Maria:
"Cari figli! In questo tempo di grazia vi invito ad essere preghiera. Tutti avete problemi, tribolazioni, pene e inquietudini. I santi vi siano modello ed esortazione alla santità, Dio vi sarà vicino e voi sarete rinnovati con la ricerca e la conversione personale. La fede sarà per voi speranza e la gioia regnerà nei vostri cuori. Grazie per aver risposto alla mia chiamata”.
Marija: Sono stata a Vienna dove ho trovato il freddo mentre a Medjugorje c’era caldo, non ero coperta abbastanza ed ho preso l’influenza. E’ stata un’esperienza bellissima. Abbiamo pregato come ogni anno. Abbiamo festeggiato il decimo anno di preghiera per la pace nel duomo di Vienna con due cardinali, un vescovo e una ventina di sacerdoti. Come ogni anno il duomo era pieno, pieno. Bellissimo! Ogni volta che si va là, è una gioia immensa.

P. Livio: Così hai avuto là l’apparizione della Madonna.
Marija: Sì. E’ stato molto bello: loro pregano per nove giorni con tutti i gruppi di preghiera, così si vedono i frutti di Medjugorje; e normalmente al nono giorno partecipa qualcuno di noi. Quest’anno toccava a me.
P. Livio: La Madonna ci ha ricordato nel messaggio che la settimana prossima ci sarà la festa di tutti i santi e anche la commemorazione di tutti i defunti, quando la Chiesa prega per tutte le anime del purgatorio. Vorrei che tu raccontassi la testimonianza dell’esperienza che avete avuto voi veggenti del Paradiso, purgatorio e inferno. A Fatima la Madonna ai bambini ha fatto vedere l’inferno, ma a voi anche il purgatorio e il Paradiso.
Marija: E’ vero. Già nei primi giorni delle apparizioni, la Madonna ci ha detto che esiste il Paradiso, il purgatorio e l’inferno. Poi ha portato fisicamente Jakov e Vicka in questi luoghi. Invece noi li abbiamo visti come guardando da una finestra. Il Paradiso è come un grande spazio con tante persone vestite con tuniche romane dai colori pastello e che erano come in un’estasi di gioia, di gratitudine e di preghiera. La Madonna ci ha detto che le persone sono andate in Paradiso perchè hanno accettato la volontà di Dio lungo tutta la loro vita ed ora conoscono sempre di più Dio e la sua volontà. Mostrando il purgatorio, la Madonna ha detto che le persone che sono lì erano indecise: un momento credevano, poi non credevano. Noi abbiamo visto come una nebbia, delle nuvole e abbiamo sentito delle grida, delle voci che chiedevano le nostre preghiere. Adesso queste persone credono profondamente in Dio e la loro sofferenza è più spirituale, perchè vorrebbero andare da Dio ma non possono. La Madonna ha raccomandato di pregare per le anime del purgatorio, offrire sante messe e sacrifici, perchè possano raggiungere presto Dio. Poi abbiamo visto l’inferno, dove c’era un fuoco e delle persone entravano in questo fuoco e si trasformavano diventando come bestie. La Madonna ha detto che Dio ci ha dato la libertà e così alcuni hanno scelto il male, hanno vissuto nel peccato e pertanto sono andati nell’inferno. La Madonna ha detto che noi non possiamo più fare niente per loro, ma che dobbiamo pregare perchè i peccatori si convertano finchè sono in vita, perchè dopo sarà troppo tardi.
P. Livio:  Allora non è vero che l’inferno è vuoto.
Marija: No, non è vero. Infatti Jakov e Vicka hanno visto tante persone che erano all’inferno.
P. Livio: La Madonna, in un messaggio dei primi mesi delle apparizioni, ha detto che il maggior numero di persone che muoiono vanno in purgatorio, un numero pure grande va all’inferno e solo un piccolo numero va direttamente in Paradiso.
Marija: Noi non sappiamo quanti. Sappiamo che Dio è misericordia e amore, ma non può forzare la nostra libertà. Per questo la Madonna sta chiedendo attraverso Mirjana ogni due del mese, come a Fatima, di pregare per tutti coloro che non pregano, non amano e non adorano. Dice: “Pregate per tutti coloro che sono lontani, quelli che non hanno conosciuto l’amore di Dio”.
P. Livio:  Invece Vicka e Jakov sono stati portati proprio col loro corpo in Paradiso, purgatorio e inferno, per circa 20 minuti.
Marija: Sì. Erano nella casa di Jakov e c’era anche la sua mamma. Di questo scherziamo sempre con Jakov perchè, quando la Madonna ha detto che li portava con sè, Jakov ha pensato che moriva e ha detto alla Madonna: “Prendi Vicka, perchè loro sono 8 figli, mentre io sono figlio unico”. Era piccolo, aveva 10 anni e ha pensato alla sofferenza della mamma. Invece la Madonna li ha portati e poi ha detto loro di testimoniare che nell’al di là esiste un’altra vita, perchè tanti non credono.
P. Livio: La Madonna ha detto che non è Dio che manda all’inferno, ma che siamo noi che vogliamo andarci.
Marija: E’ vero. Tante persone sono ostinate nel male e vivono nel peccato. Dovrebbero ascoltare la Madonna che anche in questo messaggio ci dice: “I santi vi siano modello ed esortazione alla santità”. Invece tante persone non seguono questi esempi, ma seguono esempi cattivi e diventano maledizione. La Madonna ci chiama invece ad essere benedizione per gli altri, ci chiama a benedire.
P. Livio:  Qual è il santo che ti piace di più?
Marija: Il mio santo preferito, fin dalla gioventù, è San Domenico Savio. Poi i santi francescani; io sono terziaria francescana perchè nella parrocchia di Medjugorje ci sono i frati. E poi una lunga schiera di santi fino all’ultimo che tocca il cuore e abbiamo festeggiato da pochi giorni: Giovanni Paolo II, il Papa della nostra gioventù... Siete nelle mie preghiere, nel mio cuore, in modo speciale in questi giorni di preghiera verso i santi. Chiedo a tante persone che vivono nelle difficoltà, persone costrette a letto, di unirsi a questa preghiera e di offrire i loro sacrifici a Gesù e alla Madonna. Preghiamo per le sue intenzioni, come Lei stessa chiede. Soprattutto in questi giorni di halloween, preghiamo e invochiamo i santi, mentre il mondo ci sta portando verso spiriti maligni. Che davvero i santi, come dice la Madonna siano i nostri modelli. Che possiamo anche noi essere sempre più santi come Lei desidera. Preghiamo per la nostra conversione, per la conversione del mondo, specie in questo anno centenario delle apparizioni di Fatima. Che possiamo essere davvero, come dice la Madonna, le sue mani allungate nel mondo.
<<< >>>
Marija ha quindi pregato il “Magnificat” e il Gloria.
... e Padre Livio ha concluso con la benedizione.
Marija e P. Livio